Chiacchiere, galani, frappe, cenci, lattughe o bugie, ognuno le chiama con il nome che preferisce, in base alla località in cui ci si trova, ma stanno tutte ad indicare un unico dolce. Questa delizia è tipica del periodo di carnevale ed è amata da grandi e piccini.

Esistono le classiche, quelle con la crema o con l’aggiunta di cioccolata. Ma chi segue uno stile vegano e non vuole rinunciare alle tradizioni locali?
Tradizionalmente la ricetta delle chiacchiere prevede l’utilizzo di burro e uova, ma sostituendo questi ingredienti con un po’ di grappa o di vino si riesce comunque ad ottenere una versione vegana molto friabile e gustosa.

 Difficoltà  Tempo di preparazione
Medio/Bassa 40 min
Persone  Tempo di cottura
4 10 min
INGREDIENTI:

    • 300 g di farina
    • 60 g di zucchero di canna o 25 g di stevia
    • 50 g di amido di mais o fecola di patate
    • 10 g di lievito per dolci
    • 40 ml di olio di girasole
    • 120 ml di latte vegetale (quello che si preferisce)
    • 65 ml di vino bianco secco
    • scorza grattugiata di un limone
    • olio di arachidi per friggere
    • zucchero a velo per decorare
PREPARAZIONE:

  • Versare gli ingredienti in una terrina abbastanza capiente, mischiando prima gli ingredienti secchi (farina, amido, lievito, zucchero, scorza di limone) e poi aggiungendo quelli liquidi (olio e vino).
  • Aggiungere il latte man mano continuando a mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo.
  • Lasciare riposare il tutto per qualche minuto per renderlo maggiormente compatto.
  • Dividere l’impasto in piccole palline.
  • Stendere ogni pallina con l’ausilio del mattarello o della macchina per la pasta, partendo dallo spessore maggiore e gradualmente assottigliarlo. Le chiacchiere devono essere molto sottili per poter friggere meglio.
  • Con una rotella dentata o con un coltello tagliare la sfoglia in rettangoli della dimensione che si preferisce (alcuni fanno anche un taglio in mezzo al rettangolo).
  • Scaldare l’olio in un tegame abbastanza largo e fondo per poter friggere il tutto.
  • Inserirle nel tegame poche alla volta perché in cottura tendono ad ingrandirsi.
  • Cuocere pochi secondi per lato. Attenzione! Sono necessari solo pochi secondi di friggitura per prendere una leggera doratura.
  • Una volta fritte è necessario scolarle e farle asciugare su carta da cucina.
  • Infine, quando si saranno raffreddate, sarà possibile cospargerle di zucchero a velo per decorarle. Buon appetito!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.